Vai a: [ Contenuti ] [ Categorie ] [ Cerca ]

Berlusconi sfida Prodi: i commenti e gli appunti di Silvio

Berlusconi sfida Prodi: i commenti e gli appunti di Silvio


Il primo attesissimo dibattito tra Berlusconi e Prodi è andato in onda il 14 Marzo su Rai Uno.

Visto e considerato che non tutti masticano politica, può risultare difficile riuscire ad assegnare la vittoria ad uno dei due contendenti. Continua a leggere…

E dopo Silvio, adesso anche Romano e Piero

E dopo Silvio, adesso anche Romano e Piero


In questi giorni si parla tanto di par condicio ed elezioni politiche. In vista del 9 Aprile p.v., Lorenzone.it raccoglie l'invito del Presidente Ciampi e si impegna in un maggiore controllo sulla presenza dei politici in queste pagine. Continua a leggere…

Silvio Berlusconi scripsit

Silvio Berlusconi scripsit


Un nuovo, inquietante, inutile servizio online si fa largo nella Rete mondiale.

Dopo gli innumervoli fotomontaggi a danno del Presidente operaio, a seguito delle infami accuse del pool di magistrati milanesi, successivamente a tutte le critiche piovute dalla stampa nazionale ed estera, Lorenzone.it non poteva esimersi dal dare il suo contributo alla giusta causa. Continua a leggere…

link sponsorizzati

Elezioni Europee all'italiana

Elezioni Europee all’italiana


Per chi non fosse stato in grado di seguire gli eventi, riassumo brevemente i risultati delle elezioni europee 2004.

Centro Destra: "Abbiamo vinto!"

Centro Sinistra: "Abbiamo vinto!"

Partiti che stanno sotto il 3%: "Abbiamo comunque ottenuto una vittoria!"

Fassino, Rutelli, Diliberto a proposito dei risultati: "Tracollo di Forza Italia."

Bondi, Follino, La Loggia, Schifani a proposito dei risultati: "Tracollo del Listone."

Fassino alla società Nexus: "Incompetenti. Chiedano scusa!"

Nexus su Fassino: "Incompetente. Chieda scusa!"

Fassino su La Russa: "Fascista!"

La Russa su Bertinotti: "Comunista!"

Bertinotti su Maroni: "Onanista!"

Maroni su Umberto Bossi: "Ce l'ha ancora duro."

Bossi su se stesso: "La flebo! Chi cazzo mi ha chiuso la flebo?!"

Emma Bonino su Pannella: "Chissenefrega dei risultati… giramose una canna va…"

Emilio Fede su Silvio Berlusconi: "ATTENTATO!"

Silvio Berlusconi sugli Italiani: "Vi ho fatto a mia immagine e somiglianza."

Gli italiani su loro stessi: "Comunque vada, sempre nel culo la prendiamo… e al posto della vasellina c'è la sabbia. "

Classico commento del dopo elezioni di un classico lunedì mattina in un classico bar:
- "Chi ha vinto?"
- "Pareggio"
- "Ma il rigore c'era?"

Saibal "da grande faccio il politologo" Forti

Ipse Dixit...

Ipse Dixit…


Parliamo del blackout che ha colpito tutta l'Italia… se non vogliamo piangerci sopra possiamo sempre riderci su.

Il 15 Agosto 2003 il sig. Carlo Andrea Bollino, presidente del GRTN (che nessuno sa cosa cazzo voglia dire), dichiarava:

"In italia non potrà mai verificarsi un blackout come quello accaduto negli Stati Uniti. State tranquilli"

Cazzo… un uomo lungimirante. In effetti al buio non c'è rimasto mezzo paese come in America… ma tutta la penisola. Noi italiani facciamo sempre le cose in grande! Mica pizza e fichi…

Le cause precise del problema non sono state ancora rese note… e forse non le sapremo mai ma un servizio del TG5, a cura di Guido Barendson, è qualcosa di fenomenale.
Si vede che "quelli che contano" ci tenevano proprio a dare una spiegazione plausibile all'opinione pubblica.
Più o meno il servizio diceva questo:

"[...] A causare l'incidente è stata la concomintanza di due eventi eccezionali.
Alle 3.20 un fulmine ha colpito un albero che, cadendo, ha tranciato di netto una linea elettrica in Svizzera.
Due minuti dopo, in Francia, un altro fulmine ha colpito una centrale al confine con l'Italia e ha bloccato due linee, una sostitutiva dell'altra [...]
"

Cioè, fatemi capire: un albero trancia di netto una linea svizzera… e fin qui ci sto.
Dopo due minuti un fulmine, con precisione millimetrica, colpisce non una, ma due linee francesi che, guarda caso, servono proprio l'Italia…
Se è vero allora gli italiani devono fare un bel viaggio a Lourdes… roba che anche la Sfiga in persona, in questo caso, si gratterebbe le palle.

Ma dai! Non sto certo dicendo che ci sia qualche attentatore dietro ma facevate prima a dirci la verità: Berlusconi quella notte si è svegliato a causa di una luce lasciata accesa in camera da pranzo e si è incazzato:

"Cazzo è quella lampada? Non riesco a dormire… via, vaffanculo… spegnete tutto."

Lo hanno preso in parola.

Il mistero dell'albero incenerito è, invece, un caso da X-Files.
Un servizio, sempre del TG5, ci ha portato sul luogo dove sarebbe caduto l'albero.
Una volta arrivato sul posto, il giornalista sconsolato dichiara:

"[...] Questo è il luogo dove è caduto l'albero, ma non ne è rimasta traccia perchè completamente incenerito. Il traliccio invece è stato completamente riparato. [...]"

Però si è dimenticato di dirci che i maiali volano…

Voglio dire: va bene che l'albero è stato colpito da un fulmine ma non siamo mica tutti come Emilio Fede:

1) se l'albero è stato incenerito sul posto, allora non può aver danneggiato nessun traliccio.

2) anche se fosse bruciato tutto dopo la caduta, ci sarebbe rimasta una cazzo di radice, qualche segno sul terreno, qualche fronda caduta qua e là… invece no, sparito del tutto. Manco fossero soldi di tangentopoli.

3) Magicamente è stato tutto riparato in poche ore: sul luogo nessuna traccia di operai, lavori appena conclusi.. niente di niente.
Ahò, se in Svizzera sono veramente così efficienti portateci un po' di operai sulla Salerno-Reggio Calabria… magari in qualche ora riescono a finirla… noi sono 30 anni che ci proviamo.

Concludo con il leit motiv che ci ha accompagnato in questi due giorni: il famigerato esempio della ruota di scorta.

Il buon Bollino, per spiegare in modo semplice l'accaduto, ha tirato fuori un paragone abbastanza esplicativo.
Ci ha detto che, in merito alle due linee francesi saltate, è come se, dopo aver bucato una gomma, avessimo trovato la ruota di scorta sgonfia.

Bene, a parte che io in macchina c'ho sempre la bomboletta spray, si vede che questo esempio è tanto piaciuto ai giornalisti italiani che, per spiegare le cose a noi caproni italiani, lo hanno utilizzato in quasi tutti i loro servizi televisivi.

Bollino presidente fashion quindi… lancia le mode.

Prima di concludere mi pare doveroso spiegare la sigla GRTN: Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale… almeno adesso sappiamo che Bollino non è presidente di una sequenza di lettere messe a caso.

Saibal "dammi corrente! dammi corrente!" Forti

link sponsorizzati

Torna: [ Inizio ] [ Contenuti ] [ Categorie ] [ Cerca ]

Pagina renderizzata in soli 0,270 secondi dopo aver eseguito ben 36 query. Wordpress... prestazioni da urlo!