Vai a: [ Contenuti ] [ Categorie ] [ Cerca ]

Mykonos, estate 2003

Mykonos, estate 2003


È il 10 Agosto (San Lorenzo), a Roma fa un caldo della madonna, tutti i miei amici sono in vacanza, io sono a casa per studiare, il porno che sto scaricando si è bloccato…
Come direbbe il vecchietto della pubblicità "L'ottimismo non può morire… è il profumo della vita!"

Nonnetto… ma vaffanculo! Ti venisse una paresi al pisello… a te e a Gianni!

Ok… dopo questo sfogo, del tutto lecito, mi accingo a scrivere il resoconto della vacanza appena trascorsa.
So che a voi utonti non interessa una bega di come io abbia passato l'estate ma ho promesso ai miei amici che avrei scritto un reportage di questa stupenda settimana passata in Grecia…

Ogni promessa è debito… e siccome il Saibal non è un fanfulla ecco a voi:

Mykonos 2003, e chi non balla è un laziale

I protagonisti dell'avventura sono tanti. Come consuetudine riceveranno le pagelle a fine storia… per ora mi limito a salutarli:
Filippo, Cecilia, Sergio, Francesco, Viola, Martina, Francesca, Beatrice, Silvia, Francesca 2, Matteo, Paolo…. vi bacio le chiappe!

Per iniziare potrei citare le bellezze naturali dell'isola: la natura selvaggia, gli scorci romantici, i mulini a vento, le case bianche e blu… siccome, però, di tutto questo non ho visto nulla direi di passare alle cose serie.

Se mi domandassero cosa si fa a Mykonos in vacanza non avrei dubbi: si balla!
Ma quale sesso, ragazze, alcol, mare…. la prima cosa è la musica!

- Vai al mare… c'è la musica

- Vai al ristorante a mangiare… c'è la musica

- Torni in spiaggia… c'è sempre la musica

- Vai a prendere l'aperitivo… c'è la musica

- Vai a cena la sera… c'è la musica

- Vai in discoteca la sera… ovviamente c'è la musica

- Vai a fare colazione la mattina… c'è la musica

In pratica se non balli sei uno stronzo…

Io non sono mai stato un grande ballerino ma non sono neanche uno stronzo … quindi mi sono adeguato: a Mykonos ho ballato talmente tanto che ancora mi fanno male i polpacci. Da oggi mi considero il nuovo Tony Manero greco…
La cosa preoccupante è che ormai sono un malato allo stadio terminale: appena sento qualcosa di ritmico c'ho il piedino che mi parte in un movimento danzante da far invidia a Lorella Cuccarini… sono tornato da tre giorni ma non ancora non riesco a fermarmi…. aiuto!
Ieri mi sono messo a ballare con la testa al suono dell'allarme di una macchina… dottore è grave?

A peggiorare il tutto c'è da aggiungere che mi sono anche scaricato gran parte delle canzoni che componevano la colonna sonora della vacanza. Tra questo cito:

"Let the sunshine in", Solarys

"Make Luv", Room 5

"Put your hands up in the air", Black & White Brothers

"E Samba", Junior Jack

Credo che a questo punto sia opportuno descrivere una giornata tipo sull'isola:

- Sveglia tra le 13.00 e le 14.00 (tranne Filippo che, probabilmente sotto effetto di stupefacenti, riusciva ad alzarsi alle 11 e andare al mare da solo)

- Verso le 15.00 ci si trovava tutti insieme. Il primo giorno lo abbiamo passato al Paradise, una spiaggia in cui
lo spazio a disposizione era di circa 3 cm per bagnante… altro che Rimini e Riccione.
In pratica sembrava di giocare a Tetris… per andare in acqua dovevi far spostare e reincastrare dalle 15 alle 20 persone. Io, tentando di guardare l'ora, ho ficcato il dito nel naso di una tipa… agghiacciante.
Dal secondo giorno abbiamo deciso di cambiare e passare le prime ore di mare a Platy Giatos.. una spiaggia più tranquilla in cui rilassarsi e riprendersi prima di tornare a lottare come tori

- Verso le 18.00 si facevano 4 metri a piedi e si andava a pranzare nel ristorante di Hassan. Per i palestrati,
ovviamente, petto di pollo a rotella (ottimi gli spiedini)… per tutti gli altri schifezze greche di ogni genere

- Naturalmente non dimenticate che, in tutti questi passaggi, c'era sempre la musica UNZ UNZ che ci accompagnava

- Verso le 19.00 doccia veloce a casa e poi tutti in sella ai potenti Typhoon per andare al Tropicana… la giornata iniziava da questo momento.
Il Tropicana è la prova di iniziazione, la sfida che ti viene lanciata dall'isola… se la superi sei un vero
toro!
In pratica devi arrivare in questo bar in riva al mare, levarti le scarpe, conquistarti un tavolo, ballarci sopra per 3 ore di seguito e bere come un maiale… e noi ce l'abbiamo fatta! Il vinello greco (una schifezza) ci ha dato la forza per vincere la sfida!
In tutto questo delirio generale c'erano gruppi di tope che ti ballavano sopra, sotto, accanto, ovunque… altrettanti gruppi di ragazzi arrapati come tafani africani che giravano senza sosta, un vocalist pelato che, oltre ad urlare "Italia, Italia", girava nudo con un pisello lungo 30 cm (Martina se ne è innamorata… non del tipo ma dell'attrezzo ), ragazze in topless semiviolentate sul bancone, gente che ti offriva da bere anche se non ti conosceva… cazzo! Il paradiso!
In quei giorni ho bevuto talmente tante Smirnoff Ice che adesso Sergio è il mio migliore amico…

Tags:

Pagina: [1] 2

link sponsorizzati

Consiglialo su Facebook

Scrivi un commento

Commenti totali: 15

Pagine:[12  > >>


  1. (( tornata da mykonos 9 giorni fa….ho la lacrima ancora adesso..E' TUTTO VERO!!!)!!UN BACIO A TUTTI QUELLI CHE C'ERANO!!

  2. senti… siccome adesso ci sono solo io non è che lo daresti a me il bacio

  3. ti dirò… dopo aver visto le tue foto..ma siiiiiiiiiiiiii))))))

  4. grazie… troppo buona

  5. prego..troppo buono….

  6. vediamo se sono bravo: sei ligure e ti piace "remare"
    ho vinto qualche cosa?

  7. oh cazz…cos'altro sappiamo??

  8. mmm… non molto… se vuoi ti chiamo sul cell e te lo dico
    p.s.
    non preoccuparti, non lo faccio. mica sono un maniaco

Pagine:[12  > >>

Lascia un Commento

Iscriviti alle discussione senza commentare

link sponsorizzati

Torna: [ Inizio ] [ Contenuti ] [ Categorie ] [ Cerca ]

Pagina renderizzata in soli 0,468 secondi dopo aver eseguito ben 61 query (20 in cache). Wordpress... prestazioni da urlo!